Le offensive del Panjshir (in russo : Панджшерские операции – Operazioni Panjsher) furono una serie di battaglie dal 1980 al 1985 tra l’ esercito sovietico e gruppi di mujaheddin afghani sotto Ahmad Shah Massoud . L’obiettivo di queste offensive era il controllo della strategica valle del Panjshir in Afghanistan , durante la guerra sovietico-afgana degli anni ’80.

Queste battaglie hanno visto alcuni dei combattimenti più violenti di tutta la guerra. Durante le nove campagne lanciate, gli assalti sovietici coordinati avrebbero regolarmente cacciato i mujaheddin dalla valle, ma sarebbero tornati non appena i sovietici se ne fossero andati.

TEATRO DI GUERRA

La gola del Panjshir ( dari دره پنجشير , Dara-ye Panjšēr  – “gola dei cinque leoni”) – una gola nel nord-est dell’Afghanistan (provincia di Parwan , dal 2004  – provincia del Panjshir ) – si trova nella parte nord-orientale dell’Afghanistan. Si estende per 115 km lungo la catena montuosa dell’Hindu Kush , sul suo lato meridionale e funge da valle dell’omonimo fiume Panjshir .

La gola del Panjshir inizia dalla città di Gulbahor nella provincia di Parvan, situata all’uscita della gola nella pianura della steppa forestale chiamata Valle del Charikar. L’ingresso alla gola si trova a 20 chilometri dalla città di Charikar ea 6 chilometri dalla città di Jabal-Ussaraj . Queste due città si trovano su una strada strategicamente importante che collega la capitale afgana di Kabul con le province settentrionali, e più avanti alla città di Hairaton, situata sull’ex confine sovietico-afgano, di fronte alla città di Termez in Uzbekistan .

Questa strada è l’unico percorso per il trasporto su strada da Kabul a nord. Ciò è dovuto al fatto che le province geograficamente settentrionali sono separate dal sud-est del paese dalle alte catene montuose dell’Hindu Kush, attraverso le quali solo nella seconda metà del XX secolo si è rivelato tecnicamente fattibile costruire un strada . La difficoltà era principalmente legata alla costruzione di un tunnel di 4 chilometri sul passo Salang (nel 1964) e alla costruzione di una strada a un’altitudine di circa 4000 metri sul livello del mare.

E’ abitata dall’etnia tagiki – “Panjshir”, che abitava questa regione più di 700 anni fa – all’inizio del XIV secolo . La ragione di questa migrazione furono i processi storici associati alla dominazione dei turchi in Asia centrale…. La patria storica dell’odierno popolo del Panjshir sono gli insediamenti di Daabet e Dakhbek (ora regione di Samarcanda , Uzbekistan ).

Prima dell’introduzione delle truppe sovietiche nell’estate del 1979, tutte le truppe governative della DRA furono cacciate dalla gola e la gola passò sotto il pieno controllo del comandante sul campo Ahmad Shah Massoud .

L’arrivo di un nuovo regime nella DRA, guidato da Babrak Karmal , ha richiesto l’istituzione del potere statale in tutte le province dello stato. A questo proposito, le truppe dell’OKSVA, insieme alle forze armate della DRA, hanno partecipato alle operazioni militari per liberare i territori sotto il loro controllo dai ribelli e per sostenere le autorità statali di nuova creazione.

Una delle regioni problematiche al riguardo era il territorio della densamente popolata Gola del Panjshir, il cui accesso stradale era isolato da un complesso paesaggio montuoso dal resto dell’Afghanistan, sia dal versante settentrionale che da quello meridionale. L’unica strada nella gola passa attraverso la città di Gulbahor e termina dopo 85 chilometri nell’insediamento di Pasi-Shahi-Mardan. Inoltre, il problema era complicato dalla presenza di un serio gruppo di comandante di campo Ahmad Shah Massoud, che godeva di grande prestigio tra la popolazione locale ed era originario di questa zona  .

La Gola del Panjshir fungeva da comodo corridoio di trasporto per il rifornimento di armi e munizioni tramite trasporto di pacchi dal Pakistan e un luogo per l’organizzazione di basi di addestramento per i ribelli

Terminologia 

I nomi “Operazioni Panjshir” sono la prova di come nella storiografia militare russa, per caratterizzare un’operazione offensiva (difensiva), si applicasse il principio geografico della denominazione, secondo l’oggetto geografico in cui si svilupparono le ostilità e il significato che questo oggetto aveva in piani e intenzioni da entrambe le parti – sia alla vigilia che durante l’operazione

C’è un significativo disaccordo nella valutazione del numero di operazioni effettuate dalle truppe sovietiche e dalle truppe governative della DRA nella gola del Panjshir. Alcune fonti parlano di nove, altre fonti parlano di sei operazioni .

Fondamentalmente, fonti straniere affermano che dal 1980 al 1989 le truppe sovietiche hanno effettuato nove operazioni militari nella gola del Panjshir. Le fonti russe che fanno riferimento alle opere degli storici occidentali sono inclini alla stessa valutazione.

Allo stesso tempo, non sempre fonti estere forniscono il testo dell’operazione , e per quanto riguarda la definizione del tipo di ostilità, non esiste una descrizione dettagliata dei fatti avvenuti. Usano i termini “pulizia” ( Engl.  Sweep ) e “attacco” ( Engl.  Offensive ).

Dalle memorie dei comandanti sovietici che hanno supervisionato lo svolgimento di queste operazioni, sono noti solo tre eventi, che hanno chiamato operazioni del Panjshir .

Inoltre, solo due di esse corrispondono alla definizione di ” Operazione ” in termini di dimensioni delle truppe coinvolte, mezzi e durata .

Va notato che nelle memorie dei capi militari che erano i leader delle operazioni, la numerazione delle operazioni non si trova. Sono nominati esclusivamente dalle loro date:

  • Operazione Panjshir 9-12 aprile 1980 – sono coinvolte circa 1000 persone. Le prime operazioni militari delle truppe sovietiche nella gola del Panjshir, nella storia della guerra in Afghanistan . Per la sua essenza e la sua portata, questo evento fu un’incursione ;
  • L’operazione Panjshir maggio-giugno 1982 ha coinvolto circa 12.000 persone. Nelle fonti straniere è indicata come quinta operazione.
  • Operazione Panjshir aprile-giugno 1984 – Coinvolte 13.600 persone. Nelle fonti straniere è indicata come la settima operazione.

Un obiettivo strategico

La Valle del Panjshir si trova 70 km a nord di Kabul , nelle montagne dell’Hindu Kush vicino al Passo Salang , che collega Kabul alle zone settentrionali dell’Afghanistan e più avanti all’Uzbekistan , allora parte dell’Unione Sovietica . Nel giugno 1979, un’insurrezione guidata da Ahmad Shah Massoud espulse tutte le forze governative e la valle divenne una roccaforte della guerriglia.

Dal Panjshir, gruppi di mujaheddin spesso tendevano agguati ai convogli sovietici che portavano rifornimenti alla 40a armata di stanza in Afghanistan. Il Passo Salang divenne un’area pericolosa e i camionisti sovietici ricevettero persino decorazioni per averlo attraversato con successo.

La pressione sul sistema logistico ha portato il comando sovietico a cercare di scacciare i ribelli.

 

Strategia sovietica

Le offensive sovietiche nella valle del Panjshir avevano tre principali caratteristiche tattiche.

C’era la concentrazione di mezzi aerei, incluso un esteso bombardamento aereo di un’area bersaglio, seguito da  l’atterraggio di forze di elicotteri per fermare il ritiro delle forze nemiche e ingaggiare il nemico da direzioni inaspettate e una spinta da forze meccanizzate nelle aree di supporto della guerriglia in collaborazione con le squadre di atterraggio di elicotteri.

Queste tattiche hanno causato grandi distruzioni per i civili. Distruggendo tutti i raccolti e il bestiame e costringendo l’emigrazione di massa dei civili dalla valle del Panjshir, i sovietici speravano di privare Massoud delle risorse per sostenere i suoi combattenti a tempo pieno.

La tattica ebbe un certo successo poiché, per ricostruire la sua organizzazione, Massoud fu costretto a firmare un trattato di cessate il fuoco nel gennaio 1983 che sarebbe durato un anno.

Tuttavia, queste vittorie non erano permanenti.

C’erano problemi seri con la tattica delle grandi offensive punitive, che hanno contribuito allo stallo che ha caratterizzato la guerra. Le forze dei mujaheddin venivano spesso a sapere in anticipo delle offensive in arrivo dai loro compatrioti nella Repubblica Democratica dell’Afghanistan(DRA) esercito. Non solo civili e guerriglieri potevano allontanarsi in sicurezza dalla maggior parte delle bombe, ma i guerriglieri potevano anche pianificare imboscate, posare mine e spostare depositi di armi. Una volta arrivati ​​i mezzi corazzati e gli elicotteri, i guerriglieri si sarebbero ritirati nelle valli laterali e avrebbero compiuto piccole imboscate, piuttosto che affrontare apertamente i sovietici.

 

CRONOLOGIA

 

Panjshir I-II-III

Il primo attacco: 19 aprile 1980

La prima operazione sovietica nel Panjshir ebbe luogo nell’aprile 1980, quattro mesi dopo l’arrivo delle forze sovietiche in Afghanistan. Coinvolse tre battaglioni sovietici, di cui uno era il quarto battaglione della 56a Brigata d’assalto aerea della Guardia guidata dal capitano Leonid Khabarov , e 1.000 uomini dell’esercito afghano e delle forze di sicurezza. Il comandante generale dell’operazione era il generale Pechevoy.

I mujaheddin erano 1.000 secondo l’intelligence sovietica o non più di 200 secondo fonti afghane. Erano armati solo di fucili antiquati e non avevano costruito opere difensive, ma avevano posato mine sull’unica strada. L’avanzata procedette lungo la valle, catturando Bazarak dopo un combattimento e invadendo il quartier generale di Massoud a Pasishah-Mardan, dove furono trovati vari documenti. Khabarov è stato ferito nei combattimenti, prendendo un proiettile all’avambraccio. I ribelli hanno deliberatamente lasciato entrare la forza sovietica/DRA nella valle e hanno teso loro un’imboscata mentre si ritiravano.

Durante l’operazione di quattro giorni, i sovietici affermarono di aver inflitto pesanti perdite ai ribelli, ma il giornale mujaheddin Call of Jihad mise le loro perdite a quattro morti.

La prima operazione installò una guarnigione di truppe afgane in un forte nella città di Rokha , ma presto furono assediate dai mujaheddin e subirono continue perdite a causa del fuoco molesto . A partire dal 28 agosto, una nuova offensiva, chiamata Panjshir I, fu condotta dalle truppe afghane e sovietiche. Comprendeva per la prima volta un atterraggio in elicottero da parte di truppe d’assalto aereo . Anche in questo caso i mujaheddin non si opposero frontalmente all’offensiva, ma molestarono e tesero un’imboscata ai sovietici e alle truppe della DRA al loro passaggio. L’operazione è durata 21 giorni. I mujaheddin hanno ammesso di aver ucciso 25 nelle loro stesse file e hanno affermato di aver inflitto 500 vittime ai loro avversari e di aver abbattuto diversi elicotteri.

Nonostante l’operazione, la pressione dei ribelli su Rokha, compreso l’uso di pezzi di artiglieria catturati, non si è fermata. L’8 novembre, un convoglio di camion governativi scortati da veicoli corazzati sovietici raggiunse la postazione assediata. Le truppe sovietiche e della DRA smontate ingaggiarono i mujaheddin sulle alture intorno alla città nel tentativo di rompere l’assedio. Uno dei sottocomandanti di Massoud fu ucciso e i villaggi circostanti soffrirono pesantemente dei bombardamenti indiscriminati degli aerei sovietici, ma l’assedio continuò.

Il secondo attacco: 26 settembre 1980

In questo attacco, la tattica dell’Armata Rossa e dell’Esercito Comunista dell’Afghanistan consisteva nell’attaccare i civili e distruggere le case per ridurre la pressione delle forze mujaheddin contro di loro. A tal fine , 40 persone sono state massacrate nell’area di Faraj , ea Ghaji, 32 persone sono state uccise, per lo più donne e bambini, i cui corpi sono rimasti nell’area fino a una settimana. Nella zona di Nolich, attaccata dall’Armata Rossa , i soldati russi hanno fatto irruzione nella casa di anziani, donne e bambini e le hanno dato fuoco.

Terzo attacco: 10 dicembre 1980

L’operazione finale del 1980 iniziò il 12 dicembre. Pesanti attacchi aerei colpirono la valle, provocando la morte di 100 civili e 15 mujaheddin. Il forte di Rokha fu finalmente evacuato il 27 dicembre e l’operazione terminò due giorni dopo, lasciando la valle per lo più sotto il controllo dei ribelli.

In questa offensiva invernale, l’Armata Rossa ha utilizzato 160 veicoli da combattimento di 10.000 fanti . La guerra durò diciassette giorni e il 26 giugno 1980 questo attacco fu sconfitto e le forze sovietiche lasciarono la valle del Panjshir.

 

Panjshir IV – 6 settembre 1981

A questo punto, Massoud aveva radunato abbastanza uomini per resistere apertamente all’assalto sovietico. Durante questa offensiva, per evitare di perdere veicoli a causa delle mine , i sovietici inviarono le loro unità di genieri per sgombrare la strada davanti alla forza principale. Questa tattica si rivelò costosa e la forza d’attacco penetrò solo 25 km nella valle prima di ritirarsi, dopo aver subito 100 vittime.

 

Panjshir V – 16 maggio 1982

Nel 1982 Massoud aveva radunato le sue forze a 3.000 uomini, e altri mujaheddin dalle aree vicine potevano venire in suo aiuto.

Gli approcci alla valle furono rafforzati con posizioni difensive stabilite su alture dominanti e vicino a passaggi stretti. Le grotte scavate venivano utilizzate come depositi di approvvigionamento e rifugi.

La prima grande offensiva fu condotta da una forza di 12.000 soldati afgani e sovietici al comando del generale Norat Ter-Grigoryants con 320 veicoli corazzati, 155 pezzi di artiglieria e supportati da 104 elicotteri e 26 aerei.

Le unità sovietiche coinvolte erano la 108a divisione fucili a motore , la 201a divisione fucili a motore , la 103a divisione aviotrasportata delle guardie , ciascuna delle quali contribuì con un reggimento , la 66a brigata separata per fucili a motore, elementi dell’860º reggimento separato per fucili a motore, il 191° Reggimento separato di fucili a motore e 345 ° reggimento aviotrasportato di guardie indipendenti . Il piano per l’operazione è stato preparato in segreto da un piccolo numero di Ufficiali della 40a Armata .

Per ingannare i mujaheddin fu pianificato un attacco diversivo lungo la valle di Ghorband . Questo è stato presentato come il vero attacco al personale dell’esercito afghano, che includeva simpatizzanti dei mujaheddin, e che poi ha fatto trapelare il piano alla resistenza.

 

L’assalto principale iniziò la notte del 16 maggio, dopo un intenso bombardamento aereo e di artiglieria. Mentre battaglioni motorizzati di fucilieri, preceduti da unità di ricognizione , attaccavano le caratteristiche dominanti all’ingresso della valle, unità aviotrasportate venivano trasportate in elicottero dietro le principali difese mujaheddin. In tutto, 4.200 soldati sono stati trasportati in aereo nella valle per catturare punti strategici, fino al confine pakistano , nel tentativo di tagliare le linee di rifornimento dei mujaheddin. In alcune zone i combattimenti furono intensi: quando un reggimento paracadutista sovietico sbarcò a est di Rukha, fu rapidamente circondato e subì perdite significative. I paracadutisti assediati furono salvati solo dall’arrivo di un battaglione di fucilieri motorizzati guidato dal maggiore Aushev, che si fece strada attraverso le difese dei mujaheddin, costituite da punti di forza ben posizionati, e catturò Rukha. Per le sue azioni, Aushev è stato insignito del titolo di Eroe dell’Unione Sovietica .

 

Massoud, che si aspettava un attacco simile ai precedenti, aveva disposto le sue difese vicino all’imbocco della valle, e non poteva quindi impedire ai sovietici di prendere piede nel Panjshir. Stabilirono tre basi principali a Rukha, Bazarak e Anava. La maggior parte dei mujaheddin era sopravvissuta all’attacco e Massoud li divise in piccoli gruppi mobili che combatterono i sovietici lungo tutta la valle.

 

Durante questa offensiva, i sovietici riuscirono ad occupare gran parte del Panjshir e ottennero alcuni successi contro l’organizzazione di Massoud, come la cattura di un elenco dei nomi di 600 dei suoi agenti a Kabul.

Tuttavia, la maggior parte dei ribelli era sfuggita alla cattura, e questa non era la vittoria decisiva che i sovietici speravano. Inoltre, le loro basi pesantemente fortificate davano loro il controllo solo sul fondovalle, mentre le alture circostanti erano ancora tenute dai mujaheddin. Per questo motivo decisero di lanciare una sesta offensiva.

Panjshir VI – agosto-settembre 1982

La sesta offensiva consisteva in una serie di rastrellamenti condotti da unità motorizzate e unità Spetsnaz aviotrasportate , lanciate dalle loro basi nel Panjshir, per trovare e distruggere i nascondigli dei mujaheddin. Fu accompagnato da un pesante bombardamento aereo di villaggi sospettati di ospitare gruppi ribelli, effettuato in particolare da bombardieri Tu-16 che volavano dall’interno dell’Unione Sovietica.

Le truppe aviotrasportate hanno svolto missioni di ricerca e distruzione , circondando le unità mobili di Massoud e distruggendone alcune. Tuttavia, il logoramento tra i mujaheddin fu generalmente basso, e il peso degli attacchi cadde sulla popolazione civile, che soffrì pesantemente, molti dei quali preferirono fuggire dalla valle.

 

Nonostante aspri combattimenti, i sovietici non furono in grado di sradicare i mujaheddin e la battaglia si trasformò presto in una situazione di stallo. Durante la 5a e la 6a offensiva i sovietici subirono fino a 3.000 vittime e 1.000 soldati dell’esercito afghano disertarono a favore dei Mujaheddin.

 

Una volta superato il culmine dell’offensiva, molte aree catturate dalle forze sovietiche furono consegnate alle unità dell’esercito afghano, che soffrivano di morale basso e alti tassi di diserzione. Erano gli obiettivi dei contrattacchi di Massoud. In una serie di attacchi a sorpresa, diversi avamposti del governo caddero nelle mani dei ribelli. Il primo fu l’avamposto dell’esercito afghano a Saricha, che i mujaheddin catturarono insieme a 80 prigionieri e 8 carri armati, nonostante dovessero attraversare un campo minato.

Il posto di governo a Birjaman cadde poco dopo e i mujaheddin furono in grado di riconquistare alcune aree in questo modo. Queste operazioni, insieme alle continue vessazioni delle guarnigioni sovietiche e dei convogli di rifornimento, dimostrarono che i mujaheddin erano tutt’altro che sconfitti e convinsero i sovietici a negoziare una tregua con Massoud.

Nel gennaio 1983 fu concluso per la prima volta un cessate il fuoco tra sovietici e mujaheddin, della durata di 6 mesi, e successivamente prorogato. Negoziato da Massoud in persona con un colonnello del GRU , Anatoly Tkachev, l’accordo prevedeva che le truppe sovietiche dovessero evacuare il Panjshir, fatta eccezione per una piccola guarnigione ad Anava, il cui accesso era controllato dai mujaheddin. L’area coperta dal cessate il fuoco includeva la valle del Panjshir, ma non il passo Salang, dove continuavano i combattimenti.

Massoud approfittò della tregua per estendere la sua influenza su aree che fino ad allora erano state detenute da fazioni ostili fedeli al partito Hezb-i-islami di Gulbuddin Hekmatyar , come nel distretto di Andarab .

Più pacificamente, prese il controllo del settore di Khost-Fereng e di alcune aree nella provincia meridionale di Takhar , mentre stabiliva contatti con altri gruppi di guerriglieri nella provincia di Baghlan e li persuadeva ad adottare la sua organizzazione militare.

Ordinò anche il rafforzamento delle difese in cinque valli sussidiarie e nel Panjshir, permettendo una difesa in profondità, e ritirò il suo quartier generale a Shira Mandara, nella provincia di Takhar, in previsione di un nuovo assalto.

 

Panjshir VII – dal 19 aprile al settembre 1984

Nel febbraio 1984, Konstantin Chernenko sostituì Yuri Andropov come Segretario Generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica .

Mentre Andropov aveva sostenuto il cessate il fuoco, Chernenko, un discepolo di Breznev , riteneva che i guerriglieri dovessero essere sradicati attraverso un’azione militare, opinione che condivideva con Babrak Karmal , presidente della DRA . Di conseguenza è stata pianificata una nuova offensiva, che, nelle parole di Karmal, dovrebbe essere decisa e spietata, e per distruggere le basi della valle del Panjshir, tutti coloro che vi abitano dovrebbero essere uccisi.

È stata la più grande offensiva nella regione fino ad oggi.

Tuttavia, alcuni sovietici, che erano sostenitori di Andropov, non erano d’accordo con questa politica e avvisarono in anticipo Massoud dell’attacco.

Attraverso questo canale, e grazie ai suoi agenti nel governo della DRA, Massoud aveva un’idea precisa dei piani sovietici, ed era in grado di contrastarli. Per evitare vittime civili, tutti i 30.000 abitanti del Panjshir (da una popolazione di 100.000 prima della guerra) furono evacuati in aree sicure.

Rimasero solo imboscate per ritardare l’avanzata sovietica. Tutte le strade, i villaggi e le zone di atterraggio degli elicotteri sono state pesantemente minate. Tutti questi preparativi furono effettuati in segreto e fu mantenuta un’attività simbolica vicino alla base sovietica di Anava, per ingannare i sovietici facendogli credere che si stesse preparando una difesa convenzionale.

 

All’offensiva parteciparono 11.000 soldati sovietici e 2.600 afgani, sotto il comando del maresciallo dell’Unione Sovietica Sergei Sokolov , supportati da 200 aerei e 190 elicotteri. Il 22 aprile, dopo un bombardamento di due giorni della regione da parte dei bombardieri Tu-16, Tu-22M e Su-24 , avanzarono rapidamente nel Panjshir.

Diverse forze di battaglione furono piazzate nei passaggi chiave che conducono fuori dalla valle del Panjshir, mentre allo stesso tempo furono effettuati grandi atterraggi di elicotteri nelle valli tributarie collegate al Panjshir.

Bloccando le vie di ritirata dei mujaheddin e proteggendo le alture, i sovietici li costrinsero a salire sulle montagne, quindi si erano avventurati in precedenza e dispersero le loro forze nel tentativo di evitare di essere intrappolati dagli atterraggi degli elicotteri. Una volta che la forza delle forze di Massoud ricevette un colpo così mortale, piuttosto che ritirarsi dalla valle come avevano fatto in precedenza, i sovietici iniziarono a creare un sistema di forti e avamposti in tutta la valle principale, rinunciando al controllo delle valli laterali. Queste tattiche si sono dimostrate più efficaci nello sradicare gli insorti e nello smembrare le loro forze combattenti durante l’offensiva, ma hanno avuto un successo limitato a lungo termine. I forti e gli avamposti lungo la valle del Panjshir non furono in grado di proteggere strade e convogli come avevano sperato e queste installazioni si rivelarono bersagli attraenti per i mujaheddin da molestare. Gran parte della valle era occupata, ma i sovietici pagarono a caro prezzo; molti soldati furono uccisi dalle mine e negli agguati.

Durante una battaglia, il 30 aprile nella Valle Hazara, fu decimato il 1° Battaglione del 682° Reggimento Fucilieri Motorizzato: le perdite delle truppe sovietiche furono stimate in 60 morti.

Per i sovietici, l’operazione ebbe in parte successo: alcune delle infrastrutture dei mujaheddin, create al tempo della tregua nel 1982-1983, furono distrutte. Babrak Karmal completò una visita propagandistica nel Panjshir, che da tempo era diventato una zona sicura. Tuttavia, divenne subito evidente che la maggior parte delle forze di Massoud era sfuggita all’assalto ed era ancora in grado di mettere in atto le loro tattiche di molestia. Alla fine, a settembre, le forze sovietiche del DRA evacuarono ancora una volta la valle del Panjshir, lasciando le forze di occupazione solo nel basso Panjshir.

Yousaf e Adkin riferirono nel 1992 che le forze sovietiche coinvolte includevano il 180º Reggimento fucili a motore, battaglioni della 66º Brigata fucili a motore e il 191º Reggimento fucili a motore, un reggimento della 103º Divisione aviotrasportata delle guardie , un battaglione del 345º Reggimento aviotrasportato delle guardie indipendenti , accompagnato da forze afgane tra cui l’ 8a divisione , la 20a divisione e la 37a brigata di commando .

Sembra probabile che il riferimento al ‘180th Motor Rifle Regiment’ si riferisca al 682nd Motor Rifle Regiment della 108th Motor Rifle Division , con sede a Kabul .

 

Panjshir VIII – settembre 1984

L’ottava offensiva fu il seguito della settima, coinvolgendo principalmente forze aviotrasportate.

 

Panjshir IX – 16 giugno 1985

La nona offensiva è stata condotta in rappresaglia per la distruzione della guarnigione DRA a Peshgur, durante la quale i gruppi mobili di Massoud hanno preso 500 prigionieri tra cui 126 ufficiali e ucciso un brigadiere dell’esercito afghano.

I prigionieri erano stati fatti marciare sulle montagne, dove i mujaheddin affermarono di essere stati uccisi da un bombardamento aereo sovietico, un’affermazione che altri considerarono sospetta.

 

Iniziato ore dopo il raid, il contrattacco sovietico installò una nuova guarnigione a Peshgur e inseguì i mujaheddin in ritirata. Il gruppo che scortava gli ufficiali afgani catturati fu catturato all’aperto dagli elicotteri sovietici, e nel combattimento che ne seguì la maggior parte dei prigionieri fu uccisa, con entrambe le parti che incolpavano l’altra per l’incidente.

 

Conseguenze

Nel 1986, Mikhail Gorbaciov annunciò la sua intenzione di ritirare il contingente sovietico dall’Afghanistan.

Da allora in poi i sovietici si preoccuparono principalmente di evitare perdite nel settore del Panjshir e osservarono un tacito cessate il fuoco: fu proibito il tiro non provocato da parte delle truppe sovietiche e i mujaheddin si astennero dall’attaccare le basi sovietiche.

Nonostante le provocazioni ordinate dal governo di Najibullah per attirare i sovietici in ulteriori combattimenti, la situazione generalmente rimase calma, consentendo a Massoud di portare a termine la sua “offensiva strategica”, catturando gran parte delle province di Baghlan e Takhar.

Le ultime truppe sovietiche e afgane presenti nel basso Panjshir furono finalmente evacuate nel giugno 1988.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here