La Battaglia di Pljevlja (1-2 dicembre 1941), è stato un seconda guerra mondiale attacco nello stato del Montenegro, da partigiani sulle italiani forze militari che occupano la città di Pljevlja sotto il comando del generale Arso Jovanović e il colonnello Bajo Sekulić, che ha condotto 4.000 montenegrina partigiani.

 

Teatro

Nel 1941 l’area era stata occupata dalle forze italiane che cercavano di attaccare la Grecia. Il 1 novembre 1941, il Comando Supremo delle forze ribelli iniziò a pianificare l’attacco a Pljevlja.

Il 15 novembre, il Comitato Regionale del Partito Comunista Jugoslavo per il Montenegro, Boka e Sandžak ordinò a tutte le forze ribelli nella regione di iniziare a prepararsi per l’assalto.

Secondo Arso Jovanović , gli italiani si erano preparati per un intero mese prima della battaglia, con le forze di Brodarevo e Bijelo Polje dispiegate a Pljevlja.

FORZE COINVOLTE

La formazione del distaccamento montenegrino-sandzak

Il generale Arso Jovanović comandò le 4.000 truppe partigiane che furono divise in diversi gruppi: i distaccamenti Kom, Zeta, Lovćen e Bijeli Pavle, il battaglione Piva e la compagnia Prijepolje.

All’inizio di novembre 1941 . Ivan Milutinović , delegato del Quartier Generale Supremo e del Comitato Centrale del Partito Comunista di Jugoslavia , è arrivato in Montenegro con il compito di assumere il comando presso il Quartier Generale del Distaccamento PON per il Montenegro e Boka e riorganizzare le unità partigiane in Montenegro. In accordo con lo sviluppo dell’offensiva nemica nella Serbia occidentale e in Sumadija , il Quartier Generale Supremo ordinò la formazione di un distaccamento più forte di circa 3.000 combattenti da una parte delle forze partigiane montenegrine e da inviare a Sandzak per incontrare le forze partigiane che si ritiravano dalla Serbia .

Il 15 novembre lo Stato Maggiore del NOPO del Montenegro e di Boka riorganizzò le unità partigiane e formò il Distaccamento per le Operazioni del NOP montenegrino nel Sandzak, con una forza di nove battaglioni per un totale di 3.690 combattenti. Arso Jovanović fu nominato comandante del distaccamento e Bajo Sekulić fu nominato commissario politico .

Poiché il distaccamento era composto da nove battaglioni dell’intero territorio del Montenegro, si radunarono solo il 26 novembre nella regione di Njegovuđa e il 30 novembre arrivarono nelle vicinanze di Pljevlja .

http://www.militarystory.org/wp-admin/post.php?post=4188&action=edit#:~:text=DETTAGLI%20ALLEGATO-,Smotra-crnogorskih-partizana-uoci-Pljevaljke-bitke-decembra-1941,-.-1.jpg

 

 

Forze italiane 

Il presidio italiano a Pljevlja apparteneva alla 5a Divisione Alpina Pusteria ; era guidata dal generale Giovanni Esposito e aveva una forza di 2.000 uomini.

 

LA BATTAGLIA

Timeline

Poiché i battaglioni nel corso del 29 e il 30 novembre riuniti e riposati, erano pronti ad attaccare. Ad ogni battaglione furono assegnate guide della locale compagnia partigiana e del comitato locale del CPY .

La sera del 30 novembre i partigiani tagliarono le linee telefoniche che collegavano Pljevlja a Prijepolje e Čajniče , isolando così la guarnigione italiana.

Alle 2:15 del 1 dicembre iniziarono i primi attacchi partigiani agli avamposti italiani intorno a Pljevlja e alle 2:50 fu lanciato l’assalto generale.

Dopo aver subito pesanti perdite, alle 5:00 i partigiani riuscirono a catturare un vecchio forte ottomano situato su una collina conosciuta dagli italiani come il “Fortino” (“piccolo forte”) ea penetrare nella città; furono poi catturati la mensa ufficiali ei depositi dell’11° Reggimento Alpini , mentre fu respinto un attacco al quartier generale dell’11° Reggimento Alpini.

Un altro gruppo di partigiani ha preso d’assalto il carcere, liberando tre prigionieri, e un altro attaccò la centrale , catturando il piano terra e il primo piano dopo aspri combattimenti; il distaccamento italiano a guardia della centrale, invece, si barricò al secondo piano, e riuscì a resistere finché l’arrivo di un gruppo di cinquanta genieri costrinse i partigiani a ritirarsi.

Dopo aver messo in sicurezza il “Fortino” e il carcere, i partigiani attaccarono le postazioni di artiglieria italiane, che erano quasi invase; gli artiglieri, però, respinsero l’attacco con armi leggere e bombe a mano.

Nel settore meridionale fu respinto anche un attacco all’avamposto italiano a guardia della strada per Nikšić ;

nel settore orientale, i partigiani spinsero i loro attacchi contro gli avamposti italiani a guardia delle strade per Prijepolje e Golubinje , catturando quest’ultimo.

Tra le 3:35 e le 3:40 i partigiani occuparono il liceo, la chiesa ortodossa , il cinema e le case che circondavano il quartier generale della divisione, che era così isolato.

Alle 4:30 i partigiani attaccarono il quartier generale della divisione, ma furono respinti; mezz’ora dopo occuparono l’ ospedale divisionale , catturando 34 soldati del corpo medico, e circondando il quartier generale del 5° Reggimento Artiglieria Alpini.

Un attacco a quest’ultimo, tuttavia, è stato respinto.

Poiché i difensori del quartier generale della divisione erano a corto di munizioni, un gruppo di soccorso di trenta uomini che trasportavano munizioni fu inviato in loro aiuto, ma furono quasi completamente uccisi o feriti dal fuoco partigiano.

Alle 5:15 i partigiani lanciarono un altro attacco al quartier generale della divisione, ma furono nuovamente respinti; alle 7:00 un altro gruppo partigiano attaccò il Quartier Generale del 5° Reggimento Artiglieria Alpini, utilizzando come scudi umani gli italiani catturati , ma fu ugualmente costretto a ritirarsi, abbandonando i prigionieri catturati.

Alle 7:20 due squadre italiane hanno preso d’assalto la chiesa ortodossa, il cui campanile era diventato un nido di cecchini partigiani , e le hanno dato fuoco.

All’alba gli italiani iniziarono il contrattacco; la 145th Compagnia degli Alpini e un plotone del 144th attaccarono il “Fortino” e lo riconquistarono entro le 9:00, e alle 10:30 l’artiglieria italiana iniziò a bombardare i depositi occupati dai partigiani e la mensa ufficiali.

Nel frattempo, due squadre di mitragliatrici furono inviate in un altro tentativo di soccorso del quartier generale divisionale assediato; nonostante le pesanti perdite causate dai pesanti colpi di arma da fuoco dei partigiani che occupavano il cinema, il tentativo ebbe successo, dopo di che un cannone da montagna italiano 75/13 è stato portato in posizione e ha distrutto il cinema.

Alle 15:30 fu tolto l’assedio al quartier generale divisionale e le squadre italiane si misero all’opera per eliminare i cecchini che ancora resistevano negli edifici circostanti. Diversi partigiani furono catturati e giustiziati il ​​giorno successivo, insieme a diciassette civili che li avevano nascosti.

Il quartier generale del 5° Reggimento Artiglieria Alpini era ancora sotto assedio; un tentativo italiano di soccorso fu respinto dai partigiani asserragliati in un gruppo di edifici vicini, e il calar della notte fermò la battaglia.

Le operazioni ripresero alle 8:00 del 2 dicembre, e alle 9:00 fu tolto l’assedio al 5° Comando Artiglieria Alpina. Le ultime resistenze partigiane furono eliminate durante la mattinata.

Nel primo pomeriggio del 2 dicembre, la battaglia era finita: i partigiani non erano riusciti a catturare Pljevlja e si erano ritirati con gravi perdite, circa 203 furono uccisi e 269 furono feriti.

Rapporto Partigiano

I battaglioni Jezero-Saranski e Komski della colonna orientale arrivarono al più presto alle posizioni, da dove passarono immediatamente all’offensiva. Gli italiani aprirono il fuoco secondo un piano preparato in anticipo e illuminarono il terreno con proiettori per rendere il fuoco il più preciso possibile. Mezz’ora dopo, i battaglioni sono riusciti a penetrare nella città verso le strutture di attacco.

Sulla collina Stražica, che era la spina dorsale della difesa italiana, il battaglione Kom fece diversi assalti sulla prima e poi sulla seconda linea di trincee, che erano circondate da filo spinato. la difesa sulla collina Stražica non fu seriamente messa in pericolo nemmeno dopo l’attacco dei gruppi di bombardamento, e parti minori delle unità partigiane riuscirono a penetrare nella città.

Parti della colonna d’attacco orientale hanno liquidato l’equipaggio italiano nella palestra.

Ci furono diversi combattenti morti e feriti, tra cui il comandante del Battaglione Lake Carp, Dušan Obradović, e il vice commissario politico, Vuk Knezević , eroi del popolo , che guidarono i combattenti all’assalto. Nel primo assalto, Golubinje fu conquistata, e parte delle forze penetrò nella casa di Secerovic in città, dove il comandante della divisione italiana rimase fino all’inizio dell’attacco, ma si rifugiò in caserma in tempo. Gli italiani si ritirarono dal ginnasio, dalla casa di Šećerovic e da questa regione alla scuola elementare, che era ben fortificata per la difesa.

Il battaglione ” Peko Pavlović ” attaccò come una colonna separata, ma abbastanza disorganizzata, così che, con il fuoco della fortificata Glavica, gli italiani respinsero questo attacco .

Il battaglione riuscì, con grandi perdite, a conquistare il Centro Sanitario, dove furono catturati 30 soldati italiani. Durante quel periodo, il battaglione Lovćen liquidò violentemente anche la roccaforte italiana negli edifici vicino a Senjak. Ma i successivi attacchi all’area del cimitero musulmano e al campo di Dolovi sono stati respinti. Parte di questo battaglione rimase isolato in città per tutto il giorno successivo, combattendo duramente. In quell’occasione, ha subito perdite estremamente grandi.

Il battaglione Zeta e il battaglione “Paolo Bianco” della colonna d’attacco occidentale effettuarono diverse incursioni consecutive nelle strutture fortificate: Belibegovo brdo, Dolove e Mali Bogisevac, dove catturarono circa 30 italiani, ma non occuparono queste strutture.

I battaglioni furono esposti al fuoco concentrico di mortai e mitragliatrici e furono costretti a ritirarsi verso le 8 circa. Gli italiani andarono all’inseguimento con forte fuoco d’artiglieria e movimento di parti più piccole.

Nemmeno l’attacco del battaglione Uskok-Drobnjak sul lato ovest della città, in particolare alla centrale elettrica e alla scuola di Serat, ebbe successo, sebbene queste strutture fossero temporaneamente occupate. Catturati anche una trentina di italiani. L’attacco all’edificio dell’Amministrazione distrettuale non ha dato i risultati sperati a causa di una resistenza forte e organizzata. La maggior parte di questo battaglione rimase in città per tutto il giorno successivo. Le restanti parti si ritirarono dalla città solo la notte successiva.

Durante l’attacco notturno del 1 dicembre , la difesa italiana di Pljevlja non fu nemmeno avviata, nonostante le unità fossero entrate in città in alcune direzioni. Tutti gli edifici fortificati furono mantenuti dagli italiani e alcuni furono riconquistati. Le unità in ritirata dalla città si ritirarono allo sbando e molti combattenti tornarono direttamente alle loro case.

L’attacco fallì perché la maggior parte delle forze si ritirò dalla città verso le 8 in punto. E ogni legame tra le unità che si ritiravano e quelle parti rimaste in città era reciso.

Le unità rimaste in città combatterono in isolamento senza alcun aiuto esterno. Sono stati aiutati solo da alcuni residenti, che hanno portato i combattenti nelle loro case e hanno dato loro istruzioni su come e dove uscire dalla città la notte successiva. I combattenti respinsero gli attacchi italiani con fucili e bombe finché non attirarono l’artiglieria. Molte case sono state fatte saltare in aria, quindi ci sono stati combattimenti tutto il giorno intorno agli edifici occupati della città. Solo la notte successiva, i combattenti rimasti sfondarono la battaglia e si precipitarono fuori dalla città in diverse direzioni, portando fuori un certo numero di feriti.

Durante l’attacco a Pljevlja, una colonna motorizzata italiana fu immediatamente inviata da Prijepolje per aiutare la guarnigione di Pljevlja. A Savino Lakt, il Battaglione “18 ottobre” li incontrò in un’imboscata e fu costretto a ritirarsi. In quel momento furono catturati 68 soldati, 12 camion e una stazione radio. con perdite di 25 morti e più feriti. Solo nel terzo l’attacco del 4 dicembre gli italiani riuscirono a respingere le forze partigiane da questa direzione e a sfondare a Pljevlja.

Durante l’avanzata verso Pljevlja, il 6 e il 7 dicembre, le forze italiane hanno sparato a oltre un centinaio di abitanti dei villaggi circostanti.

 

CONSEGUENZE

Dopo la battaglia, molti partigiani disertarono le loro unità e si unirono ai cetnici pro- Asse .

Per rafforzare la difesa di Pljevlja, le unità italiane avevano abbandonato Nova Varoš , Čajniče , Foča e Goražde .

Nova Varoš fu presa dai partigiani pochi giorni dopo, mentre le altre tre città furono catturate entro la fine di gennaio 1942 dopo che i cetnici locali furono cacciati.

Le forze partigiane iniziarono a saccheggiare i villaggi vicini e ad giustiziare gli italiani catturati, i ” settari ” del partito e i “pervertiti”.

I comunisti uccisero il sacerdote ortodosso Serafim Džarić che era archimandrita del monastero della Santissima Trinità di Pljevlja e direttore del ginnasio della città Dobrosav Minić.

Come rappresaglia per l’attacco, le forze italiane, insieme alle milizie musulmane nella zona, bruciarono e saccheggiarono le case degli insorti.

La sconfitta dei partigiani a Pljevlja e la campagna di terrore condotta da elementi di sinistra del movimento partigiano, portarono a un ulteriore conflitto tra i due gruppi.

Le varie ideologie delle fazioni partigiane in Montenegro alla fine portarono alla guerra civile.

Il leader del movimento di resistenza nella Jugoslavia occupata, Josip Broz Tito , disapprovava l’attacco.  Quando ricevette la notizia dell’assalto pianificato, Tito emise due ordini di non attaccare Pljevlja.

Il 7 dicembre 1941 Moša Pijade scrisse una lettera a Tito e richiese un’indagine sulla sconfitta di Pljevlja.

La battaglia di Pljevlja fu l’ultima grande azione della rivolta in Montenegro e provocò l’espulsione delle forze partigiane dalla regione.

Il 21 dicembre 1941, i distaccamenti Kom, Lovćen, Bijeli Pavle e Zeta furono incorporati nella 1st Brigata Proletaria .

 

Lascito storico

Dopo la battaglia, il comando dei partigiani montenegrini chiese il reclutamento delle donne, emettendo un annuncio che invitava le sorelle degli insorti deceduti a unirsi alle forze partigiane.

Il romanziere serbo, Mihailo Lalić , ha scritto della battaglia in una delle sue opere, in cui ha sottolineato che i musulmani locali hanno commesso crimini di guerra durante questa azione.
 Il 1° dicembre 2011, nel 70° anniversario della battaglia, si è tenuta una cerimonia presso il monumento ai partigiani caduti sulla collina Stražica che domina Pljevlja, alla quale ha partecipato il presidente montenegrino Filip Vujanović .
Ha affermato che 236 partigiani montenegrini sono stati uccisi durante la battaglia, insieme ad altre 159 persone di Pljevlja e della zona circostante. Il monumento commemora la morte di 412 partigiani e altre vittime della seconda guerra mondiale.
Fonti:
https://www.facebook.com/media/set/?vanity=ProzoruPljevljaCrnaGora&set=a.734777920004213
https://pvportal.me/2020/06/87-godina-od-radova-u-m-ru-sv-trojica-pljevlja/
https://lejlahasanbegovic.wordpress.com/category/uncategorized/
https://yu-nostalgija.com/pljevaljska-bitka-vjesnik-slobode-i-pobjede-nad-fasizmom-1941-g/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here