Anche se fallì  l’offensiva italiana della primavera 1941,  rivelò una “cronica penuria di armi e equipaggiamento” nell’esercito greco. Anche con il sostegno britannico, i greci si stavano avvicinando rapidamente alla fine del loro legame logistico.

L’intelligence britannica ha stimato che le riserve della Grecia, sebbene sulla carta siano compresi 200.000-300.000 uomini parzialmente addestrati, non potrebbero essere mobilitate per mancanza di armi e attrezzature, che venivano consumate dal fronte albanese.

Alla fine di marzo del 1941, l’esercito greco nel suo insieme possedeva solo una fornitura di un mese di munizioni da 105 mm, 85 mm e 155 mm di artiglieria.

Le richieste sono state inviate a Londra dopo l’offensiva italiana di primavera per 5 milioni di proiettili da 75 mm, 125.000 105 mm, 120.000 85 mm, 120.000 125 mm e 75.000 da 155 mm, oltre a 41 milioni di colpi di fucile. Gli inglesi avevano già fornito, tra gli altri prodotti, 40 milioni di colpi e 150 mortai (50 51 mm e 100 76 mm) il mese precedente, ma non avevano ancora soddisfatto la richiesta di metà di 300.000 di uniformi e set di scarpe dei greci.

Peggio ancora, mentre gli italiani disponevano ancora di riserve di uomini e materiali, le difese greche della Macedonia e della Tracia, che avrebbero dovuto affrontare l’attacco tedesco, furono lasciate indefinite e non trattate a causa delle richieste del fronte albanese.

La sezione Macedonia orientale Army (TSAM), che gestiva la Linea Metaxas, fu lasciato con soli 70.000 uomini a difendersi da qualsiasi potenziale avanzata tedesca, anche se i piani prevedevano che le fortificazioni fossero detenute da 200.000 uomini.

Inoltre, entro la fine di febbraio, il TSAM rimase con solo 100 pezzi di artiglieria. I pianificatori britannici erano in disaccordo con il piano greco di mantenere la linea Metaxas, così come l’insistenza di non cedere un solo pezzo di terra agli italiani, osservando che le forze greche “una piccola forza” si estendevano su “un fronte incredibilmente lungo” “- Erano insufficienti per prevenire o resistere a una svolta tedesca.

 La sezione centrale Macedonia Army(TSKM), che occupava il confine jugoslavo, era ancora più debole: le sue tre divisioni erano state recentemente sollevate dalle riserve e non possedevano armi anti-aeree, armi anticarro, veicoli blindati o quasi tutti i veicoli a motore. Avevano poche armi automatiche e dovevano affrontare anche la mancanza di beni di prima necessità come tende ed elmetti.

14 delle 20 divisioni disponibili dell’esercito greco erano di fronte agli italiani sul fronte albanese come parte dell’Esercito dell’Esercito , per un totale di 33 reggimenti.

Nel tentativo di mantenere la Grecia in lotta, gli aiuti britannici si intensificarono drasticamente in marzo e aprile, che comprendevano uniformi, armi e munizioni di vario tipo.

Tra gli altri beni, gli inglesi hanno inviato ai greci 200.000 stivali, 50.000 elmetti, 45 tonnellate di tessuto uniforme, 23.000 tende, 1.009 auto / camion, 104 carri armati leggeri e universal carrier , 2.000 casi di fusibili di artiglieria, 40.000 casi di proiettili di artiglieria, 18.000 proiettili italiani da 75 mm, 200.000 proiettili di mortaio italiani, 600 casse di munizioni .303, 5 milioni di munizioni di fucile italiano, 20.000 fucili e mitragliatrici italiani e grandi quantità di cibo , materiali esplosivi, filo a spirale e altri beni.

Tuttavia, i greci ancora non lo consideravano sufficiente per perseguire con successo il resto della guerra. Il 2 aprile, il primo ministro greco ha implorato gli inglesi in un messaggio per fornire immediatamente altri 700 proiettili e 30.000 fucili in più.

Anche se gli inglesi potessero inviare questi stock, non potrebbero trasportarli in Grecia in modo tempestivo.

  • Stockings, Craig; Hancock, Eleanor (2013). Swastika over the Acropolis: Re-interpreting the Nazi Invasion of Greece in World War II. Leiden: BRILL. ISBN 978-90-04-25459-6.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here