Nordstern (in tedesco, letteralmente, “stella polare”), spesso indicata erroneamente come Neu Drontheim (“Nuova Trondheim”), era il piano nazista per la creazione di una nuova metropoli tedesca nella Norvegia occupata durante la Seconda guerra mondiale. Secondo i progetti, la città avrebbe dovuto avere una popolazione di circa 250 000–300 000 abitanti.

Il sito di costruzione della città fu localizzato a Øysand, a circa 15 km a sud-ovest della città norvegese di Trondheim. Vista la notevole importanza strategica del Trondheimsfjord per l’esercito tedesco, il progetto prevedeva anche la costruzione di una grande base marina e militare, che avrebbe dato alla Germania un controllo marittimo senza precedenti su tutta l’area del Nord Atlantico, una mossa fortemente supportata dai Großadmirals Erich Raeder e Karl Dönitz.

Adolf Hitler affermò che la città sarebbe diventata “una Singapore tedesca” e questo divenne uno dei suoi progetti architettonici preferiti.

Tra il 1940 e il 1945, gli occupanti tedeschi trasformarono la Norvegia in una vasta zona di costruzione. Questa straordinaria campagna edilizia, oggi in gran parte sconosciuta, è stata progettata per estendere il Grande Reich tedesco oltre il Circolo Polare Artico e trasformare il paese scandinavo in un’utopia razziale. Dalle nuove città ideali a una panoramica autostrada che si estende da Berlino alla Norvegia settentrionale, i piani per trasformare il paese in un modello di società “ariana” hanno acceso l’immaginazione di Hitler, del suo architetto Albert Speer e di altri leader nazisti.

In Hitler’s Northern Utopia: Building the New Order in Occupied Norway , Despina Stratigakos offre la prima grande storia degli sforzi nazisti per costruire un impero Nordic quella che essi credevano avrebbe migliorato il loro patrimonio genetico e confermare il loro destino come un nuovo ordine di Vichinghi.

Attingendo a straordinari diari, fotografie e mappe inediti, nonché a giornali dell’epoca, Hitler’s Northern Utopia: Building the New Order in Occupied Norway racconta la storia di un’ampia gamma di progetti architettonici e infrastrutturali completati e non realizzati ben oltre le ben note difese militari tedesche costruite sull’Atlantico norvegese costa. Queste iniziative includevano centri di maternità, strutture culturali e ricreative per i soldati tedeschi e un piano per creare la quintessenza delle comunità nazionalsocialiste su ventitré città danneggiate dall’invasione tedesca, una revisione che gli architetti norvegesi avrebbero dovuto condurre. Il progetto più ambizioso – una capitale culturale tedesca e una base navale – rimase un segreto gelosamente custodito per paura di provocare la resistenza norvegese.

Un racconto avvincente dell’ascesa di un paesaggio nazista nella Norvegia occupata, l’Utopia settentrionale di Hitler rivela una visione inquietante di quello che avrebbe potuto essere: un mondo colonizzato sotto la svastica.

Hitler’s Northern Utopia: Building the New Order in Occupied Norway

Nel suo nuovo libro, Despina Stratigakos racconta la storia di come architetti e pianificatori nazisti iniziarono a costruire un impero nordico in Norvegia durante la seconda guerra mondiale.

 

Tra il 1940 e il 1945, gli occupanti tedeschi trasformarono la Norvegia in una vasta zona di costruzione. Questa straordinaria campagna edilizia, oggi in gran parte sconosciuta, è stata progettata per estendere il Grande Reich tedesco oltre il Circolo Polare Artico e trasformare il paese scandinavo in un’utopia razziale. Dalle nuove città ideali a una panoramica autostrada che si estende da Berlino alla Norvegia settentrionale, i piani per trasformare il paese in un modello di società “ariana” hanno acceso l’immaginazione di Hitler, del suo architetto Albert Speer e di altri leader nazisti. In  di Hitler Utopia del Nord , Despina Stratigakos offre la prima grande storia degli sforzi nazisti per costruire un impero Nordic quella che essi credevano avrebbe migliorato il loro patrimonio genetico e confermare il loro destino come un nuovo ordine di Vichinghi.

Attingendo a straordinari diari, fotografie e mappe inediti, nonché a giornali dell’epoca,  Hitler’s Northern Utopia  racconta la storia di un’ampia gamma di progetti architettonici e infrastrutturali completati e non realizzati ben oltre le ben note difese militari tedesche costruite sull’Atlantico norvegese costa. Queste iniziative includevano centri di maternità, strutture culturali e ricreative per i soldati tedeschi e un piano per creare la quintessenza delle comunità nazionalsocialiste su ventitré città danneggiate dall’invasione tedesca, una revisione che gli architetti norvegesi avrebbero dovuto condurre. Il progetto più ambizioso – una capitale culturale tedesca e una base navale vicino a Trondheim – rimase un segreto gelosamente custodito per paura di provocare la resistenza norvegese.

 

 

Nel plasmare la sua città tedesca sul fiordo, Hitler intendeva lasciare il segno soprattutto nella sua genialità culturale. Come [Albert] Speer riferì a [Reichskommissar per la Norvegia Josef] Terboven nell’agosto 1940, nelle prime fasi del progetto, Hitler gli disse che ciò che aveva in mente era “la creazione del centro culturale più settentrionale del Grande Reich tedesco. ” Non mancherebbe nulla. “Secondo [Hitler], la nuova città dovrebbe avere tutto il necessario per una città di importanza culturale, come un’opera, un teatro, una biblioteca e una grande pinacoteca, ma anche uno stadio, piscine e così via.” La generosità della visione di Hitler avrebbe sicuramente giocato un ruolo nella determinazione di Speer di costruire la città, per non parlare dell’ovvio entusiasmo del Führer per il progetto. In un monologo a tarda notte il 15 gennaio 1942,

Sebbene abbiamo pochi dettagli sulle istituzioni culturali che Hitler aveva progettato per la nuova città, l’attenzione nazionale è abbastanza chiara. Il 19 febbraio 1942, in un altro discorso a tarda notte nel suo quartier generale, Hitler annunciò che la grande pinacoteca – le collezioni per le quali lui stesso avrebbe assemblato – sarebbe stata dedicata “esclusivamente ai maestri tedeschi”. Hitler credeva che l’arte non solo esprimesse ma servisse anche a realizzare la grandezza culturale e politica di una nazione. Non è un caso che il primo edificio monumentale da lui commissionato dopo essere salito al potere sia stata la House of German Art di Monaco, una galleria d’arte dedicata esclusivamente agli artisti tedeschi contemporanei e alla definizione di una nuova visione artistica e standard per il Terzo Reich. La proposta di Hitler di aprire una galleria d’arte tedesca nella parte settentrionale dell’impero fu quindi un gesto significativo, suggerendo come immaginava di rafforzare l’identità culturale e la forza dei tedeschi che vivevano al di fuori dei confini tradizionali della nazione. Allo stesso tempo, ha anche visto questi progetti come la sua più grande eredità. Riferendosi ai suoi piani di Trondheim, ha dichiarato: “Le guerre vanno e vengono; rimangono solo le opere della cultura umana. “

I.1 Stratigakos Fig

Fig i.1 Adolf Hitler osserva lo scenario a bordo della Deutschland nei fiordi norvegesi, aprile 1934. Fonte: Adolf Hitler: Bilder aus dem Leben des Führers. Altona / Bahrenfeld: Cigaretten-Bilderdienst, 1936.


Questa enfasi sulla nuova città come faro artistico e culturale, così come il desiderio di Hitler di agire come suo mecenate, suggerisce fortemente che la immaginava come una Führerstadt, o “città del Führer”, nel nord. Prima della guerra Hitler aveva designato cinque di queste città – Berlino, Amburgo, Norimberga, Monaco e Linz – che dovevano essere trasformate nei gioielli architettonici e culturali del Terzo Reich. I piani per la loro ricostruzione hanno comportato la massiccia riorganizzazione dei loro centri urbani per accogliere nuove strutture monumentali e istituzioni culturali. Hitler intendeva dotare la sua città natale di Linz, ad esempio, di un’immensa galleria d’arte che esponeva le migliori collezioni d’arte europee (in gran parte confiscate ad altri paesi), che lui stesso avrebbe curato. La nuova città prevista per il fiordo di Trondheim, se designata come città del Führer,

La galleria d’arte proposta da Hitler per la nuova città sul fiordo di Trondheim avrebbe aderito a un altro importante progetto culturale che allo stesso modo avrebbe proclamato le radici tedesche del nuovo insediamento: un monumentale cimitero di guerra e memoriale (fig. 5.3). Questa idea ebbe origine con l’Alto Comando dell’esercito norvegese, che all’inizio del 1941 propose cimiteri di guerra per quattro città norvegesi: Bergen, Narvik, Oslo e Trondheim. Insieme, dovevano tenere trentacinque tombe di soldati tedeschi. Tre di questi luoghi erano associati a vittime e combattimenti avvenuti durante l’invasione: l’affondamento del Blücher, nel fiordo di Oslo, e del Königsberg, a Bergen, che aveva provocato perdite tedesche significative, e la tenace resistenza del generale Eduard Le truppe di montagna di Dietl a Narvik, che avevano elevato la città a uno status eroico. Il richiamo di Trondheim,

1.6 Stratigakos Fig

Fig 1.6 Un ufficiale tedesco cammina davanti a un edificio per uffici modernista a Oslo. Fonte: Wacht im Norden, agosto 1942.


Wilhelm Kreis fu l’architetto di questi progetti, che facevano parte di una missione più ampia per onorare i soldati tedeschi caduti nelle zone di guerra recentemente occupate in tutta Europa. Nel marzo 1941, e su suggerimento di Speer, Hitler nominò Kreis architetto generale per la progettazione dei cimiteri di guerra tedeschi. La carriera di Kreis ha subito una notevole inversione di tendenza durante il Terzo Reich. Quando i nazisti salirono al potere nel 1933, era stato licenziato come presidente dell’Associazione degli architetti tedeschi. Il patrocinio di Speer ravvivò la sua carriera con commissioni di alto profilo, come una monumentale Sala dei soldati a Berlino, un’appropriazione nazionalsocialista del Valhalla norvegese, una maestosa sala governata dal dio Odino e abitata da degni guerrieri morti. Speer considerava Kreis, che aveva quasi il doppio della sua età, un caro amico e aveva già viaggiato con lui in Italia. Speer lo invitò nel suo viaggio del 1941 in Norvegia; quando questo fu cancellato, Kreis viaggiò da solo, nell’agosto 1942, per esplorare i luoghi dei suoi cimiteri di guerra.

A Trondheim, l’attenzione di Kreis si è concentrata su Høvringberget, una montagna alta 230 metri a Bymarka che si affaccia sul fiordo, sulla penisola che Hitler aveva scelto per il nuovo insediamento. In questo luogo, il monumento in pietra da lui progettato, con la sua grande svastica incisa, sarebbe stato ben visibile dal mare, annunciando ai visitatori in avvicinamento la nuova colonia tedesca (fig. 5.3). Come gli altri suoi progetti cimiteriali, ispirati al Castel del Monte in Italia e all’Acropoli ateniese in Grecia, era destinato a una posizione elevata. Il memoriale sarebbe diventato una destinazione drammatica per i residenti tedeschi che facevano una passeggiata nella natura, un luogo da cui potevano osservare le loro nuove terre dal vantaggio dei soldati tedeschi che erano morti per acquisirle. Avrebbe collegato potentemente i residenti della nuova città a un punto “eroico” di origine tedesca, rafforzare un profondo legame con il sangue e la nazione. Il progetto è stato ampiamente pubblicato, anche su Das Reich, un settimanale di successo con un focus europeo lanciato nel 1940 da Goebbels, e in Die Baukunst, il giornale di architettura nazionalsocialista edito da Speer.

5.3 Stratigakos Fig

Fig 5.3 Wilhelm Kreis, “Trondheim-Hövringberg”, cimitero e memoriale dei soldati, 1941.Per gentile concessione della Library of Congress, Washington, DC


I culti dell’arte e della morte erano elementi integrali e intrecciati nella Weltanschauung nazionalsocialista. In inni, spettacoli teatrali, mostre d’arte, memoriali, cerimonie e processioni, il compagno caduto veniva simbolicamente e collettivamente lamentato ed esaltato. Quando i nazisti espansero il loro impero, esportarono i loro miti e rituali nei loro nuovi possedimenti territoriali. Ma non li hanno elevati allo stesso grado di visibilità ovunque. I progetti di prestigio immaginati per la nuova città tedesca sul fiordo suggeriscono che Trondheim avesse uno status speciale per i nazisti, il che portò Hitler a vederlo come un luogo degno per costruire la capitale culturale del nord del suo Grande Reich tedesco.

Gli scritti nazionalsocialisti su Trondheim chiariscono le sue numerose associazioni positive per i propagandisti tedeschi. Le più importanti erano le origini vichinghe di Trondheim, registrate nelle saghe islandesi, e il suo status di capitale di potenti re che, nel tardo periodo vichingo e nell’alto medioevo, unificarono un vasto impero settentrionale. Anche la monumentale architettura in pietra della Cattedrale di Nidaros, la chiesa medievale in cui venivano incoronati i re norvegesi, rimase impressa. Allo stesso modo, gli scrittori tedeschi ammiravano la tradizionale architettura in legno di Trondheim così come i generosi spazi pubblici del suo piano urbano barocco, progettato da Johan Caspar von Cicignon dopo il catastrofico incendio del 1681. Infine, i propagandisti tedeschi cercarono tracce dell’influenza tedesca a Trondheim, da ricchi commercianti e banchieri agli architetti,

5.5 Stratigakos Fig

Fig 5.5 Un sottomarino tedesco che ritorna al bunker del sottomarino Dora I nel porto di Trondheim, senza data.Cortese concessione degli archivi nazionali della Norvegia, Oslo


Le caratteristiche positive di Trondheim sono state spesso messe a confronto nella propaganda nazionalsocialista con i presunti difetti di Oslo. Dove Trondheim era antica e infestata dai fantasmi dei re guerrieri, Oslo era considerata moderna e senz’anima. Nonostante le sue tracce tedesche, Trondheim era lodata come la città più norvegese del paese, radicata alla gente e al suolo; Oslo, d’altra parte, era “americana-non autentica”. La bellezza architettonica di Trondheim e gli spazi urbani aperti fanno vergognare gli edifici funzionalisti di Oslo e gli affollati quartieri operai. Sebbene Oslo fosse emersa nei tempi moderni come capitale politica della Norvegia grazie alla sua posizione geografica, Trondheim aveva la sensazione di una capitale imperiale basata sul suo ruolo nel corso dei secoli come centro spirituale e culturale.

Questi riconoscimenti scritti da scrittori nazionalsocialisti sollevano interrogativi sul perché gli occupanti tedeschi non abbiano scelto di ricostruire la città esistente di Trondheim come loro insediamento. Le ragioni sono sia pratiche che simboliche. La scala della base navale pianificata era inadatta alla baia di Trondheim, che era limitata dalle dimensioni e dalle instabilità geologiche. Da un punto di vista simbolico, il forte senso di norvegese di Trondheim avrebbe impedito la sovrapposizione di una nuova identità tedesca. In effetti, un simile tentativo avrebbe rischiato il contrario: la norvegese dei coloni tedeschi, una forma di “degenerazione” culturale che – come si è visto a proposito delle case dei soldati – preoccupava gli occupanti. È significativo che non ci siano prove che i nazisti vedessero la creazione di una nuova città come un’opportunità per sviluppare un terreno condiviso, come popolo, con i norvegesi. Al contrario, l’insediamento era concepito come un luogo a parte, un’enclave tedesca rimasta separata dalla popolazione norvegese nativa circostante. Associazioni positive con Trondheim dovevano essere assimilate in una rete di cultura tedesca accuratamente difesa, in termini tedeschi.

 

Hitler’s Northern Utopia: Building the New Order in Occupied Norway

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here